In qualsiasi tipo di caldaia, la pressione dell’acqua è un elemento fondamentale, che deve essere costantemente controllato per garantire il perfetto funzionamento del dispositivo.

 

Non tutte le caldaie permettono di conoscere direttamente il valore della pressione: solo alcuni modelli di ultima generazione dispongono di un display dove è possibile visualizzare questo parametro. In genere, perché la caldaia funzioni correttamente, è importante che la pressione sia compresa tra 1 e 2 Bar.

 

Può comunque capitare sia per un guasto della caldaia stessa, sia per anomalie da parte della fornitura di acqua, che la pressione si abbassi troppo o si elevi improvvisamente. Per rilevare, e risolvere, le anomalie della temperatura, si raccomanda di contattare un tecnico qualificato, in grado di effettuare sia l’installazione caldaia Roma che la manutenzione, al fine di evitare il rischio di guasti significativi.

 

Inoltre, si ricorda sempre che sottoporre le caldaie ad una regolare manutenzione significa evitare, o comunque ridurre al minimo, tale rischio, soprattutto nei periodi in cui il dispositivo funziona a pieno regime.

 

Quando la pressione dell’acqua è troppo bassa

 

Se la pressione dell’acqua è troppo bassa, il problema potrebbe essere causato da una perdita in qualche punto del sistema idraulico. In questo caso, si consiglia di controllare che non ci siano perdite dai rubinetti o dai caloriferi, oppure sotto alla caldaia stessa.

 

La maggior parte delle caldaie sono dotate di un piccolo rubinetto che regola l’ingresso dell’acqua, e che permette di alzare la pressione interna: dopo averlo aperto per qualche decina di secondi, per poi richiuderlo, in genere la pressione si alza dopo una trentina di minuti, raggiungendo il livello raccomandato.

 

Chi conosce bene una caldaia può provare a procedere in questo modo, tuttavia si consiglia sempre di chiedere aiuto ad un tecnico specializzato.

 

Quando la pressione dell’acqua è troppo alta

 

Una pressione molto elevata dipende di solito da anomalie nella circolazione dell’acqua all’interno dell’impianto. Spesso, sfiatando leggermente i termosifoni, tramite le apposite valvole, la pressione si abbassa al livello normale. Se dopo avere sfiatato tutti i termosifoni, , la pressione fosse ancora molto elevata, si raccomanda di rivolgersi immediatamente ad un tecnico esperto.